18 giugno 2012

Pietra verde e fiori di montagna

La semplicità delle margherite é messa in risalto dal contenitore: un semplice secchiello in alluminio utilizzato dai nonni come contenitore per il latte.
A dire la verità l'idea di utilizzarlo come vaso per fiori é stata copiata dagli amici della "Contrada Beltramelli”, che sui tavoli dei loro alloggi, appoggiati sopra un "pezzotto", hanno messo questi secchiellini con dei fiori freschi.
Ho parlato anche di pietra perché, non so se avete sentito parlare del "lavecc".
E' una pentola realizzata in pietra “ollare”.  La particolarità di questo materiale è di essere molto resistente al fuoco e di conservare il calore a lungo, permettendo così una lenta cottura ideale per stufati e minestre, ottimi gli stracotti, i risotti e tutto senza aggiungere grassi.


Vicino alla grossa pentola realizzata ancora oggi artigianalmente mediante tornitura a mano con tecniche datate al 1° secolo d.c. da maestri della Valmalenco, vi mostro il vecchio "lavecc"che era appartenuto alla nonna di mio marito e nel quale ho io stessa preparato lo polenta.

Mi piace questo accostamento di vecchio e nuovo, dove cambiano, forse e  di poco,   le tecniche di realizzazione, ma non la materia prima né l'utilizzo.

Questa é la semplicità della natura nella sua bellezza racchiusa in una semplice margherita e in un piatto povero come la polenta......
A presto.....





8 commenti:

  1. Wow adoro i vasi in alluminio e mi hanno colpito molto queste stupende pentole.....
    Quando ci fai la polenta,dimmelo che passo a trovarti!!;DDDD
    Ora sono anche io tra le tue followers!!
    Un bacione cara a presto!!
    Sabry!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sabry, se ti interessano veramente queste pentole le puoi trovare qui www.storevaltellina.it.
      Ok per la polenta, ma tu di dove sei?
      Un abbraccio
      Patri

      Elimina
  2. ciao Patri

    hai proprio ragione i lavori di saint paul sono volati...ma anche i miei verso nuovi lidi

    un bacio

    giulia
    p.s. grazie del link

    RispondiElimina
  3. Di nulla e complimenti ad entrambi.
    Notte
    Patri

    RispondiElimina
  4. Patri, quante cose ci accomunano, ora anche il dialetto.... anche da noi si dice "lavecc"!!!
    Da noi la pietra ollare e ritornata in voga, ultimamente nei barbecue si tende a sostituire la griglia con ripiani di pietra ollare per cuocere la
    carne o le verdure.
    Quanto alle margherite nel "raminin" del latte... che delizia per gli occhi e per il cuore
    Ciao
    Adriana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cosa vuoi Adriana, siamo delle "vecchie signore" piene di nostalgia....
      Pero' che bello scoprire tante affinita'..
      Buonanotte
      Patri

      Elimina
  5. Cose semplici, di una volta, ma
    proprio per questo affascinanti e bellissime.
    Mhhhhh....la polenta, che buona, magari con
    il formaggio....che ci sia troppo caldo adesso.....
    Love Susy x

    P.S. ti è arrivata la mia Mail''

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La polenta d'estate si mangia volentieri in baita...
      Ora con calma rispondo alla tua mail.
      Notte..
      Patri

      Elimina

Le tracce delle vostre visite sono sempre gradite! GRAZIE!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...